Home / Chi siamo

Chi siamo

La Casa Editrice Falco nasce nel 2004 per volere di Michele Falco.

Sin dai primi anni, s’identifica come una casa editrice giovane, dinamica, competente: giovane per lo spirito innovativo delle pubblicazioni, dinamica per la capacità di interagire con il mondo della cultura e dei saperi, professionale e competente per l’esperienza decennale nel settore. Un team compatto e motivato che sull’amore per i libri e la lettura ha costruito la propria formazione e ogni giorno s’impegna a fornire un servizio efficiente e completo, dalla revisione editoriale del testo alla veste grafica.

La casa editrice instaura un rapporto diretto e costante con i propri autori, i quali vengono accompagnati passo dopo passo durante il cammino fino al momento conclusivo  della stampa del libro. Ogni pubblicazione avrà l’opportunità di affrontare al meglio l’impervio percorso della diffusione, una fase che, per quanto onerosa e impegnativa, è fondamentale per le fortune di un libro.

Il catalogo dà ampio spazio alle inchieste giornalistiche su argomenti di attualità, mafia e politica, alla narrativa, ai testi per i ragazzi e alla cultura locale; la saggistica va dall’antropologia alla ricerca storica e archivistica, senza trascurare l’aspetto religioso e culturale del territorio in cui opera.

2 comments

  1. mimmo leonetti

    UNA RACCONTO LUMINOSO E DI SPERANZA
    Il mio primo pensiero è che l’autrice PAONESSA sembra condividere la diagnosi del nostro CORRADO ALVARO: “ LA PRIMA IMPRESSIONE CHE PROVA UN UOMO, QUANDO TERMINA LA GIOVINEZZA, E’ CHE DIVENTA UTILE AGLI ALTRI.” Riconosco nell’autrice una chiarezza intellettiva, un’intelligenza scaltrita, un linguaggio controllato e onesto, che parla d’amore e di tecnica della comunicazione.
    Il testo “ QUEL NASTRINO ROSSO” è un surrogato avvincente della vita di “NORA”. Lo scritto pone in risalto alcuni aspetti umani di fondamentale importanza quale LA RESPONSABILITA’ DI CONFRONTARSI CON IL DOLORE DEGLI ALTRI. La sua anima Graffiata è agitata da una vibrante passionalita’.
    L’intento dell’autrice, molto ben riuscito, Non è quello di fornire al lettore la speranza di dominare e vincere le paure. La Speranza e’ fondamento delle capacita’ umane. Svolge un’attenta analisi dei tempi attuali, esaltando luci ed ombre. La limpida riposatezza d’uno sguardo che dardeggia come un lampo nel cielo. Perche’ se la storia di ” NORA” riesce a muovere e commuovere l’animo del lettore, allora si apre una piccola finestra che può dare alla fine grandi risultati .
    Ho apprezzato molto la capacita’ di Carmela Paonessa, fotografare il passato, risalire le corrente del tempo, pescare le immagini che furono e fissarle con furia giovanile e religiosa nel libro stesso. Un libro una verita’, un racconto una ferita’, lo scrivere la Liberta’. Carmela Cara, parafrasando Eraclito “ solo chi sa innalzarsi a queste altezze di pensiero uscendo dal dormiveglia quotidiano puo’ intendere davvero quelle leggi oggettive e comune al Mondo che una volta scoperte, si impongono ad ogni Mente Pensante”.
    “Il problema non è la donna, ma l’uomo. E’ inconcepibile e scandaloso mistero della bellezza e del male, del sole e del fango, della vita e della morte….Coabitazione del meglio e del peggio, pozzanghera di tristi agonie…..
    Il dramma E’ la reazione infame, vile e malvagia da parte di uomini infami, vili e malvagi che così rispondono all’affermazione di libertà della donna”. “Mettono in evidenza la parte oscura di un modello culturale e sociale che non ci appartiene e che porta il maschio a pensare di possedere ciò che ama e spingere a considerare l’altro come un oggetto per ottenere un fine di piacere personale”
    La libertà della donne è un movimento che ha attraversato il Novecento che tutti gli uomini dobbiamo sensibilizzare e sostenere. Insegnare questo ai nostri bambini, insegnatelo ai bambini nelle scuole, fin da piccoli, fatelo capire anche agli adolescenti e agli adulti, ripetetelo finché potete. Questa pubblicazione e’ un contributo significativo per iniziare una serie ed approfondita discussione sul vuoto etico della societa’ globalizzata e su una serie di fenomeni sociali degenaritivi. Ecco perche’ e’ indispensabile la rete di solidarieta’ che coinvolga le Istituzioni, la Magistratura, la scuola, la chiesa, l’ associazionismo come obiettivo comune la sconfitta del male e della violenza facendo prevalere il bene.
    Basta violenza, da parte di chiunque e contro chiunque. Sant’Agostino diceva che la felicità è poter desiderare ciò che si ha. Noi purtroppo viviamo aspirati dal ciclone del nuovo, dal ciclone famelico del “non ho”».
    Grazie a tutte le donne che quotidianamente rendete migliore l’UMANITA’.
    Ma soprattutto entusiasticamente grazie alla scrittrice Carmela Paonessa che il suo scrivere e le sue foto possano divenire segmento indispensabile della sconfitta della violenza domestica facendo prevalere la realta’ di sentirsi liberi assieme a toni d’una storia palpitante e d’una toccante Umanita’.

  2. mimmo leonetti

    ENTUSIASTICAMENTE GRAZIE A MICHELE FALCO…. I CALABRESI COMINCIANO A CAMMINARE SUBITO, INTELLETTUALI E LETTERATI PER LORO IDENTITA’ E LORO RADICI!!!!!
    UNA TERRA OVE OGNI OSPITE HA UN POSTO PER RISTORARE IL PROPRIO SPIRITO ILLUMINATI DAI GRANDI CALABRESI GIOACCHINO DA FIORE, FRANCESCO DA PAOLA E TOMMASO CAMPANELLA, INTERPRETI MASSIMI DI SPIRITUALITA’, CARITA’ E UTOPIA: CARDINI DELLA CONVIVENZA CIVILE!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *