p266_1_01

Tra speranze e illusioni

€12.00

Chantal Castiglione


Tra speranze e illusioni
l’Italia negli Anni di piombo

Pagine: 168
Prezzo: € 12,00
ISBN: 978-88-6829-046-7

Formato: 17×24

Ostinatamente ancora oggi si definisce il periodo che va dal 1968 fino agli anni Ottanta con l’appellativo “Anni di Piombo”. Come ha sottolineato Carmelo Albanese nell’intervista: «Chiamarli “Anni di Piombo” significa sostanzialmente eseguire il dettame finale di quel percorso repressivo che ha nascosto nel sangue, un sangue sporco, un sangue mai reso manifesto, quelle che erano delle rivendicazioni di progresso, di emersione delle classi popolari, “l’assalto al cielo”». Franco Piperno ha definito, nella sua intervista, quel periodo come «Formidabili anni». Sia Carmelo Albanese che Silvano Agosti, poi, parlano di Decennio, dal ’68 al ’78, come il periodo in cui le istanze dal basso sono emerse con tutta la loro prorompenza e forza, in cui era presente una resistente solidarietà collettiva, non esisteva più l’io isolato, asociale, ma, al contrario, si era creato un noi collettivo capace di mobilitare in tutt’Italia migliaia di giovani.
[…] Di chi è stata la responsabilità del validare la definizione “Anni di Piombo”? Carmelo Albanese ha avanzato questa ipotesi: «L’idea di “Anni di Piombo” che è stata fatta passare dalla criminalità intellettuale di alcuni partiti, tra cui il principale è quello della sinistra italiana, è sbagliata. Il ruolo di questi partiti è stato di leggere storicamente o nel far leggere attraverso i potentati accademici o intellettuali o giornalistici l’esperienza del Decennio ’68-’78, soprattutto l’ultima parte degli anni Settanta, come un’esperienza sovversiva, “l’assalto al cielo”, il deflagramento di tutti quelli che erano gli ordini costituiti anche a sinistra».

Categoria:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Tra speranze e illusioni”