Home / Blog / Semplice lettore o bibliofilo?

Semplice lettore o bibliofilo?

Da Apostolo Zeno a Wes Anderson: storia e cronistoria di un amore viscerale per la carta stampata

books-1163695_960_720

Ricerca spasmodica di nuovi titoli, accumulo seriale di volumi, attenzione maniacale a forme, colori e caratteri di rilegature e pagine. Fermati un istante: se ti riconosci in questo profilo, sei anche tu un bibliofilo provetto!

Da qualcuno etichettata come follia vera e propria, da altri ritenuta più che altro una grande passione, bibliofilia non significa semplicemente mero amore per i libri e la lettura.

Essere bibliofili è ben altro: è collezionismo frenetico e convulso, ammirazione profonda per le edizioni rare e particolari, per le opere singolari e scritte in lingue arcaiche, per le illustrazioni silografie, le acqueforti e tutto ciò che oggi non è più.

L’amore per il libro, nella sua duplice natura di prodotto materiale e opera dell’ingegno, risale alle origini della stessa cultura occidentale. Basti pensare che tra i suoi primi cultori vi furono personalità del calibro di Aristotele ed Euripide; e come dimenticare Tito Pomponio Attico, destinatario di ben 396 lunghe lettere indirizzategli dal celebre politico, scrittore, oratore e filosofo romano Cicerone.leaves-1076307_960_720

L’elenco, nel corso dei secoli, è lungo e variegato per area di provenienza e periodo storico di riferimento. Collezionarono codici con insaziabile brama e sete di sapere Petrarca, Boccaccio, Cosimo de’ Medici; ricercarono affannosamente edizioni antiche e di pregio l’umanista Fulvio Orsini, il vescovo Angelo Rocca, il noto marchese Taccone… E ancora, Apostolo Zeno, esperto antiquario, collezionista di manoscritti, testi a stampa e monete antiche.

Proprio come nei migliori casi di metaletteratura, la figura del bibliofilo ha attirato, tra l’altro, l’attenzione di diversi geni creativi provenienti dai più svariati ambiti artistici: dalla narrativa alla fotografia, dalla musica al cinema. Non solo libro nel libro, dunque, ma libro nel film, nell’opera lirica, nel pezzo rock, nello scatto d’autore…

Un recente video-documentario di The A to Z Review mostra, non a caso, la grande incidenza del nostro sull’estro artistico del premio Oscar Wes Anderson, i cui film sono costellati da apparizione e “sparizioni” librarie.

E tu? Ti definiresti amante della lettura o accanito bibliofilo?

La Redazione

About falcoeditore

Check Also

locandina Nina

Presentazione “Bagliori tra le Nuvole” di Antonella Giordano

La Biblioteca Storica ti invita Il 14 marzo 2018, alle ore 17.00, la Biblioteca Storica ...

One comment

  1. E come dimenticarsi di Trivulzio! Alla sua passione bibliofila ho dedicato la mia tesi di laurea 🙂

Rispondi a Martina Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *