Home / Blog / Trecento secondi

Trecento secondi

Non si può descrivere ciò che provai a leggere quelle parole maledette.

Non si può.

Come si può raccontare di un mondo intero che si

frantuma in trecento secondi netti?

Trecento secondi.

Quelli che scandirono il passaggio dal prima al dopo.

Trecento secondi.

Tanti bastarono a togliermi i miei figli, il domani e il respiro

 

Trecento-secondi-Fortunati

Trecento secondi  (Falco Editore, 2015), scritto da Patrizia Fortunati, è un libro intenso, toccante, che racconta il dolore e la fragilità di un uomo, Paolo Mazzini, che all’improvviso si ritrova solo.

Una sera torna a casa e la trova vuota. Da lì inizia il suo incubo, che durerà quattro anni. Anzi sette. E tutta la vita. Scoprirà che la moglie lo ha lasciato, portandosi via i loro tre figli. Che ha sporto, con la complicità dei genitori, trentasette denunce contro di lui contenenti accuse gravissime, tra cui quella di aver abusato sessualmente dei propri figli. Inizia così il lungo calvario di Paolo. Tra avvocati, giudici, assistenti sociali e psicologi.

Può accadere da un momento all’altro di cadere in un baratro profondo e di andare giù, sempre più giù, fino a toccare il fondo.

Trecento secondi è un romanzo coraggioso. Scritto da una donna, per tutte le donne e gli uomini che si sono ritrovati all’inferno. Per tutte le donne e gli uomini che fuggono e poi tornano. Per tutte le donne e gli uomini segnati da una cicatrice indelebile. Su un polso o sul viso o nell’anima.

Infatti il protagonista si ritroverà additato da tutti:

La mia storia si perde nella cronaca di una città di provincia. Una storia che ha scandalizzato, facendo gridare prima È un mostro!, poi Vergogna, alla fine Poveretto…”

Un libro che si legge tutto d’un fiato, che trascina il lettore, gettandolo nella realtà di quanti ogni giorno affrontano i loro drammi con dignità e coraggio; un libro che emoziona, commuove e genera al tempo stesso rabbia. Consigliatissimo per comprendere che alla fine il dolore non ha genere, non ha colore, non ha confini.

Acquista ora

La redazione

 

 

 

About falcoeditore

Check Also

30739179_1949217505389455_1578122979148038144_n

La dieta dei 28 giorni: che cos’è e come funziona I cibi da preferire nelle diverse fasi del ciclo (e anche in menopausa) per limitare gli effetti degli squilibri ormonali

di Angela Altomare – da Starbene.it Spossatezza, gonfiori, irritabilità e dolori tipici del ciclo, ma ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *